Guidelines 1.2

Hackathons

Parte del nostro lavoro è consulenza. Sia durante il briefing iniziale che durante lo sviluppo, consigliamo il cliente sulla base dalle nostre competenze.

Ci piace poter dire, con prove evidenti: “Un nostro prodotto, lo sviluppiamo così!”. Per questo dedichiamo parte del tempo allo sviluppo di nuove idee.

Abbiamo valutato partnership con startup esistenti; abbiamo preso in considerazione l'idea di sviluppare internamente un prodotto complesso con sviluppi a lungo termine; al momento nessuna di queste opzioni è adeguata alla condizione interna di Cantiere Creativo. Vogliamo arrivare al punto in cui ognuno dedichi del tempo su prodotti o progetti di ricerca e questo richiede un'organizzazione differente da quella attuale.

Abbiamo scelto, per il momento, la via dell'MVP - Minimum Viable Product, micro progetti da realizzare nell'arco di tre giorni.

In questa scelta vediamo i seguenti vantaggi:

  • Compentenza interna: creazione e gestione diretta di prodotti.
  • Evoluzione data driven: sulla base dei feedback, decideremo cosa vale la pena continuare a sviluppare.
  • Visibilità: più prodotti da comunicare nei canali adeguati durante l'anno e creazione di case studies molto efficaci.
  • Interazione: possiamo far lavorare insieme persone che solitamente stanno su contesti diversi. Si crea così condivisione e confronto sulle competenze.

Gli hackaton sono una delle priorità di Cantiere Creativo. Il tempo speso su un hackaton è considerato a tutti gli effetti tempo di sviluppo e viene regolarmente retribuito (e segnato su Freckle nel progetto relativo sotto il gruppo hackaton).

Hackathon, regole del gioco

Un hackathon (anche conosciuto come hack day o hackfest) è un evento al quale partecipano, a vario titolo, esperti di diversi settori dell'informatica: sviluppatori di software, programmatori e grafici web. Un hackathon generalmente ha una durata variabile tra un giorno e una settimana. Tra le finalità che gli hackathon si propongono, oltre al tradizionale lavoro per la realizzazione di un software, c'è un numero crescente di esempi per i quali gli eventi assumono invece obiettivi didattici e sociali. wikipedia

Quando vengono sottoposte nuove idee di prodotti — librerie, servizi, gemme, framework, siti, attività pro-bono ecc — le discutiamo in maniera informale. Per quelle che riteniamo interessanti, viene costituito un team e pianificato un blocco di tre giorni consecutivi per lo sviluppo dell'idea.

Nei tre giorni, il team ha uno spazio fisico dedicato e può organizzare il lavoro a piacimento; gli uffici sono a disposizione giorno e notte. Il team ha un unico obiettivo: la consegna del prodotto in modo che sia pubblicabile e considivisibile.

L'hackathon deve soddisfare alcune condizioni per poter iniziare.

Sottoporre un'idea

Non pretendere di avere l'illuminazione del secolo per sottoporre un'idea. Ci interessano cose semplici che sorgano da necessità reali (tool, librerie, servizi). Proponi, ci sarà una selezione naturale!

Quando hai chiara l'idea, crea e assegnati una card su Trello, nella colonna Proposal, nella board Cantiere - Hackathons.

Dargli un nome

There are only two hard things in Computer Science: cache invalidation and naming things

Trovare un nome per il prodotto è difficile e molto importante. Non possiamo permetterci di passare la prima giornata in brainstorming sfiancanti per scegliere un nome, un dominio, un codename. Sulla base del nome dovranno essere attivati i servizi necessari per inziare: repo git, board trello, dropbox ecc.

Sulla card scrivi il nome che hai scelto e una descrizione che faccia capire, con un massimo di 30 parole, “a cosa serve” il prodotto. Se non riesci a spiegarlo in poche parole, forse è troppo complesso!

Obiettivo

Descrivi l'obiettivo da raggiungere nello sviluppo del Minimum Viable Product. In sintesi, cosa deve essere pronto alla fine del terzo giorno.

Un'(in)utile visione a lungo termine

Descrivi la visione a futuro — se esiste — di cosa potrebbe essere il prodotto in uno stadio avanzato. Di solito è quella descrizione di mille funzionalità che non serve a nulla, poichè le cose cambiano strada facendo. È anche vero che avere un'idea più ampia, può aiutare a dare un contesto agli altri membri del team.

Discutere l'idea

Quando sei pronto, sposta la card nella colonna discussing in modo che tutti possano commentare l'idea su Trello. Discuti la tua idea. Nelle pause pranzo, davanti ad un caffè, in chat, non importa dove. Può capitare che le idee si affinino, che si scoprano tool o servizi simili o che ne nascano di nuove ancor più brillanti.

Chi ci lavora

Chi ha sottoposto l'idea partecipa sicuramente. Il resto del team, viene deciso caso per caso sulla base delle competenze necessarie e della complessità del prodotto da realizzare. Un designer è sempre parte del team, sia che il progetto ne preveda la competenza o meno.

Case studies

Siamo noi i product owner e possiamo raccontare il prodotto in piena libertà. Abbiamo a che fare con una ridotta quantità di materiale e non abbiamo alcuna dispersione di informazione. Condizioni ideali per creare case studies ben strutturati da presentare per ogni progetto.

Design

Nel caso in cui il progetto necessiti di supporto grafico, il designer si occuperà di realizzare il materiale grafico tenendo bene a mente che dovrà essere utilizzato anche per il case study. Quindi benvengano produzioni ad alta risoluzione o vettoriali.

Nel caso in cui il prodotto sia una libreria di puro codice, avrà comunque bisogno di una landing page di presentazione. Il designer preparerà il mood, animazioni, screenshot tenendo sempre a mente il case study.

Documentazione multimediale

L'intero hackathon deve essere documentato a livello multimediale. Se questo lavoro non può essere svolto dalle persone coinvolte del team, deve essere fatto da un esterno attraverso piccole incursioni per fare foto, riprese e segnare delle note sull'andamento. Questo materiale serve sia per il case study che per la creazione di blog post dedicati.

Social sharing

L'hackathon è un evento e come ogni evento lo comunicaheremo sui canali social, con i relativi hashtag, foto, aneddoti e quanto di utile e simpatico avremo da dire.

Arrivarci preparati

Questo l'elenco delle cose che devono essere preparate prima dell'inizio dell'hacakton:

  • aver definito un nome;
  • avere molto chiaro l'obiettivo da raggiungere nei tre giorni;
  • avere un progetto su freckle;
  • repo git e wiki e permessi per i membri del team
  • directory dropbox condivisa con i membri del team